Gli accertamenti per la diagnosi precoce dei tumori si effettuano tramite indagini diagnostiche appropriate che sono diverse per ciascun tipo di tumore.

Il tumore della mammella si avvale della mammografia che a oggi è l’esame più sicuro per le indagini di screening.

Screening significa controllare o esaminare con metodo per controllare la presenza di una patologia.

Lo screening alla mammella che è quello che più ci interessa è riservato per ora alle donne tra i 50 e i 69 anni, perché in questo intervallo di età vi è un’incidenza più alta di rischio per tumore alla mammella.

Sono in corso studi per verificare se è utile allargare la fascia di età.

La mammografia è gratuita e le donne vengono invitate dai Comuni dove risiedono a recarsi nei Centri selezionati.

Consiglio a tutte le donne di recarsi presso questi Centri per effettuare questo esame perché è risaputo che un tumore diagnosticato precocemente viene curato efficacemente.

Questo non vuol dire, tuttavia, che le donne in età inferiore ai 50 e superiore ai 69 non debbano comunque recarsi dallo specialista per sapere quali sono gli esami cui devono sottoporsi annualmente.

Essere controllate significa prevenire.

 

Potete leggere l’interno articolo del Ministero della Salute a questo link.

http://bit.ly/MaurizioNavaScreening

Dott Maurizio Bruno Nava

Specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva e Estetica. Chirurgia generale – Oncologia.

Professore a Contratto – Scuola di Specializzazione in Chirurgia Plastica – Università degli Studi di Milano.