Abbiamo anche la domanda di un uomo e lo ringrazio, Francesco, 36 anni, dice: “Mia sorella e prima mia madre hanno avuto un cancro al seno, fortunatamente risolti in entrambi i casi. Io posso correre il rischio di contrarre la stessa malattia? Come mi devo comportare?”

Allora anche qui avevamo fatto un webinair, se vi ricordate, proprio sulla genetica un pò di tempo fa con la Dottoressa Flavia Borreani e la Dottoressa Manoukian dell’Istituto dei Tumori per parlare di queste cose.

Lei ha due familiari, non ha importanza se lei è un uomo, può avere il tumore alla mammella anche l’uomo anche se molto più bassa come percentuale.

Bisogna vedere a che età è insorto il tumore a sua sorella e a sua mamma prima e se nella famiglia ci sono stati altri casi.

Perché se diventano tre o quattro, quello che le consiglio è di andare in un centro genetico, all’Istituto Nazionale dei Tumori è gestito come dicevo prima dalla Dottoressa Manoukian che farà una specie di questionario e se lei è il candidato a sottoporsi all’esame della ricerca della mutazione dei geni BRCA1 e BRCA2 viene invitato a farlo.

Se lei vuole lo può fare e questa è l’unica cosa che può fare per capire se c’è una mutazione genetica per cui si ha più rischio.

Se, invece, è negativa la mutazione o decide di non fare questo tipo di indagine avendo avuto questo problema comunque si faccia visitare, magari dal Senologo dove vanno sua mamma e sua sorella in modo che anche lei almeno un consulto lo faccia.

Le diranno ogni quanto fare questa valutazione, se ogni anno od ogni due, che esami sono necessari per controllarla.

Spero di avere soddisfatto la sua domanda.

A presto.

#MaurizioNava #AskMBN #CancroMammellaMaschile

Tumore maschile della #Mammella #MaurizioNava #AskMBN Condividi il Tweet