Tumore al Seno e Recidiva

Buongiorno a tutte.

Ecco la domanda di Maria Rosa:
”Ho chiuso un ciclo di cura per un Tumore al Seno, sono distrutta ma felice, non fino in fondo perché il mio medico mi ha detto di effettuare visite di controllo periodiche perché la possibilità di ricadere in questa situazione é abbastanza alta.
Ho letto su internet che é vero, il Tumore può ricomparire con cellule dormienti anche dopo molti anni. Mi dia una speranza é vero? Non ne uscirò più da questo male?”.
Prima di rispondere a Maria Rosa, che sento molto preoccupata dalla sua domanda, vorrei cercare di rasserenarla.

Maria Rosa ha avuto un Tumore alla Mammella, mi dispiace, però mi sembra che abbia fatto per bene tutte le terapie che ha terminato.

Oggi in Italia si dice che per chi ha gestito bene il tutto, c’è una possibilità del 85% o più di guarigione completa.

Io credo che lei rientrerà in questa importante percentuale. E’ vero che deve essere seguita, perché un minimo di rischio che si possa avere una ricaduta ci può essere.

Ma è davvero molto basso, se raggiungiamo l’85% di guarigione vuol dire che è bassissimo.

Questo non vuol dire che bisogna dimenticarsi di fare dei controlli, che sono dei controlli semplicissimi che avvengono ogni anno a seconda della struttura e possono essere organizzati in modo diverso: con esami del sangue, esami per immagini.

Non si senta per questo a rischio continuo, nel modo più assoluto.

Sono controlli necessari perché ha avuto una malattia importante, che è stata curata bene ed è stata debellata; è guarita e come tutte le altre malattie, una Cardiopatia, un Diabete e altre ancora che possono diventare croniche, necessitano dei controlli periodici e di esami periodici. Per cui non si preoccupi, faccia i suoi esami e ci risentiremo tra 15 o 20 anni.

Arrivederci.

Grazie.

Tumore al Seno e Recidiva #MaurizioNava #TumorealSeno Condividi il Tweet
Dott Maurizio Bruno Nava
Specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva e Estetica. Chirurgia generale – Oncologia.

Professore a Contratto – Scuola di Specializzazione in Chirurgia Plastica – Università degli Studi di Milano.