Buongiorno a tutte, nel limite del possibile vorrei cercare di ritornare alla normalità e portare avanti una corretta informazione con i nostri video incontri.

Le vostre domande sono sempre tante e vorrei sfruttare questo tempo di quarantena per fugare dubbi e rispondere a tutte.

I video sono stati girati prima del periodo di stop, se volete farmi altre domande legate alla Chirurgia Estetica, Ricostruttiva e Oncologica della Mammella potete cliccare il link di seguito http://bit.ly/MaurizioNava-AskMBN

Cerchiamo di rispettare le indicazioni che il Ministero della Salute ha disposto, insieme riusciremo a superare questo difficile momento.

#AndràTuttoBene #IoRestoACasa

Partiamo con una domanda di Lara che mi chiede la ragione perché può accadere di doversi operare nuovamente di Tumore al Seno.

É una domanda complessa, ve la leggo in modo da condividerla nel miglior modo possibile:”…Ho letto che la possibilità di essere rioperata a causa di un Tumore al Seno è molta alta, anche dopo pochi mesi…è vero? Perché il Tumore non è stato asportato totalmente, quali sono le cause? Una Donna con un Tumore al Seno quanto deve soffrire per guarire? Grazie per una sua risposta”.

Diciamo che la prima risposta è senza dubbio una rarità, o quanto meno dovrebbe essere una rarità che ci sia la necessità di rioperare a breve distanza di tempo; probabilmente potrebbe essere dovuto a una escissione non completa ma questo si sa subito e oggi con tutte le tecnologie che abbiamo è difficile non sapere prima se si può asportare tutto. Tanto è vero che se lei ha seguito il discorso che abbiamo fatto con il Dott. Folli durante il nostro Webinar, avevamo detto che oggi giorno grazie alle immagini che possiamo avere, Eco, Mammografia e Risonanza sappiamo se un Tumore è multicentrico oppure si estende un pò di più ed è difficile fare una resezione ampia, questo è legato anche alla dimensione della Mammella, perché poi potremmo avere un esito deturpante.

É difficile che oggi questo succeda, se la Chirurgia e tutto viene programmato in modo adeguato è veramente raro.

Per quanto riguarda la seconda parte della sua domanda, lei mi dice:”…quanto deve soffrire una Donna?” Mi dispiace, questa domanda riflette un qualcosa che ha vissuto non ottimale, il Dott. Folli non è qui con me in questo momento ma oggi giorno se tutto viene fatto bene, anche una Mastectomia con ricostruzione richiede una notte massimo due di ricovero e difficilmente sono necessari farmaci antidolorifici importanti, molte delle mie Pazienti prendono solamente una Tachipirina o qualcosa di simile, al di là del semplice atto chirurgico, se la sofferenza è legata poi all’avere avuto il Tumore, a dover fare la Chemioterapia che dura un anno, sono completamente d’accordo con lei. Però sono quelle terapie che anche con il Dott. Folli avevamo detto, che se fatte bene e totalmente consentono di arrivare alla guarigione del 90%

Sono d’accordo con lei per queste terapie la sofferenza può essere alta ma io dico spesso alla mie Pazienti magari è banale:”…adesso è in un tunnel, attorno a lei vedo tutto buio, lentamente vedrà una lucina, come quando uno passa in macchina in una galleria, alla fine finalmente arriva la luce…” e si renderà conto che starà meglio, che vivrà la Vita differentemente e che ritornerà ad appropriarsi si se stessa.

Questo è il messaggio che le vorrei dare e vedrà che anche lei supererà questo difficile
periodo.

Grazie.
A presto.

#MaurizioNava #AskMBN #Mastectomia #Chemioterapia

Può accadere di doversi rioperare di Tumore al Seno? #MaurizioNava #AskMBN #TumoreSeno Condividi il Tweet