Parto da un interessante articolo apparso su Vanity Fair lo scorso novembre, che in molte sue parti non aggiunge nulla di nuovo ma offre degli spunti interessanti su quali siano le abitudini di vita da seguire per cercare di ridurre le malattie in generale e il tumore al seno in particolare.
Il Dott. Berrino da anni cerca di far consocere come l’alimentazione giochi un ruolo fondamentale nella prevenzione del tumore al seno e anche di eventuali ricadute quando si è già state operate.
Ha condotto e sta conducendo studi clinici importanti nella struttura da lui fondata.
Per saperne di più potete andare sul sito dell’Istituto Nazionale dei Tumori e cercare lo spazio dedicato alla Cascina Rosa, li troverete tutto.
Altra importante abitudine di vita e non solo per il tumore al seno ma per un ottimo equilibrio psico-fisico è l’attività sportiva e il controllo, con questa, del peso corporeo e della riduzione della massa grassa.
Condivido pienamente: io stesso cerco di eseguire 3 o 4 volte la settimana attività fisica per almeno 45/60 minuti, ottima la camminata veloce.
Purtroppo, ma è da tempo che è risaputo, la percentuale di donne giovani colpite dalla malattia è in aumento e per questo si consiglia una visita specialistica dopo i 20 anni. Inoltre è molto importante conoscere bene la storia famigliare per identificare quali soggetti debbano essere seguiti in modo particolare e quali debbano sottoporsi al test genetico.
Non c’è nulla di allarmistico, ma una diagnosi precoce permette un trattamento migliore e una guarigione certa.
Andate da uno specialista almeno una volta e lui deciderà insieme a voi come procedere con i controlli clinici e strumentali.
Gli ormoni femminili possono giocare un ruolo importante sia in modo protettivo che al contrario.
Quando dovete assumere ormoni, soprattutto estrogeni, in menopausa o con la pillola anticoncezionale, fate sempre riferimento al vostro ginecologo di fiducia e magari consultate anche un senologo esperto che vi dia il consiglio migliore.
L’allattamento è consigliato sempre.
Trovate la scansione dell’articolo a questo link.

Dott Maurizio Bruno Nava

Specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva e Estetica. Chirurgia generale – Oncologia.

Professore a Contratto – Scuola di Specializzazione in Chirurgia Plastica – Università degli Studi di Milano.