Maurizio Nava, Tomosintesi, Lund University, Istituto Nazionale dei Tumori Milano

 

L’immagine mostra una neoplasia al seno attraverso la Tomosintesi.

 

La Tomosintesi è un’indagine diagnostica per immagini che studia in modo accurato la mammella.

Per fare un esempio chiaro è un po’ come fare una TAC: il tessuto e la ghiandola possono essere studiati in modo più tridimensionale e sicuramente più approfondito.

Questo lo so perché la collaborazione con il Dottor Gianfranco Scaperrotta, radiologo senologo dell’Istituto Nazionale dei Tumori, mi ha consentito di conoscere questo nuovo strumento radiologico.

Sempre con il Dottor Scaperrotta abbiamo pubblicato studi e tutt’oggi collaboriamo a nuovi progetti.

 

Lo studio pubblicato dalle radiologhe svedesi della Lund University, apre sicuramente un nuovo scenario e l’utilità della Tomosintesi è chiaramente dimostrata; inoltre questo tipo di esame evita la compressione della ghiandola mammaria assai fastidiosa per le donne che devono eseguire la mammografia tradizionale.

 

Non è ancora chiaro, invece, il tasso di diagnosi errata con questo tipo di indagine.

La mammografia comporta il 10/20% di falsi positivi: si tratta di donne alle quali viene diagnosticato un tumore senza che questo sia effettivamente presente nel seno.

Ciò che lo studio ha rivelato è il fatto che un numero maggiore di donne con lesioni benigne sono state richiamate a ripetere l’esame e questo, riconoscono i ricercatori, causa uno stress inutile.

Credo che affinando la tecnica, come sempre, si ridurranno falsi positivi e negativi.

Si tratterà anche di comprendere quale sarà il costo della diffusione della Tomosintesi, visto che è un esame più oneroso della mammografia.

Secondo i ricercatori dell’Università di Lund, tra cinque o dieci anni al massimo questa nuova tecnica sarà presente in tutti i centri diagnostici.

 

All’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano è già in funzione.

 

Potete approfondire l’argomento a questo link:

bit.ly/MaurizioNavaTomosynthesis

Dott Maurizio Bruno Nava

Specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva e Estetica. Chirurgia generale – Oncologia.

Professore a Contratto – Scuola di Specializzazione in Chirurgia Plastica – Università degli Studi di Milano.