Notizia non troppo recente già comparsa alcuni anni fa che ciclicamente ritorna e poi viene abbandonata per la sua scarsità di risultato.
Iniettare della soluzione fisiologica nei tessuti molli della mammella genera ovviamente un aumento momentaneo del volume che però svanisce in un tempo difficile da prevedere.
La tecnica non è scevra da potenziali complicanze locali, tra cui l’infezione.
Inoltre ha costi elevati per una durata di poche ore e comunque non risolve il problema reale del volume e della forma di una mammella che generalmente coinvolge, oltre all’aspetto fisico, anche la sfera psicologica e l’autostima.
A mio avviso si tratta della solita inutile moda che crea solo confusione e false aspettative.
Potete trovate i link agli articoli e alle immagini pubblicate <a href="http://www visit their website.huffingtonpost.it/2014/11/21/seno-instantaneo-instabreast_n_6198056.html?ref=fbph” target=”_blank”>qui e qui.

Dott Maurizio Bruno Nava

Specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva e Estetica. Chirurgia generale – Oncologia.

Professore a Contratto – Scuola di Specializzazione in Chirurgia Plastica – Università degli Studi di Milano.