Recentemente ho letto di questa ricerca guidata dall’Università di Sheffield pubblicata su Nature, dove si descrive che fermando l’azione di un enzima, chiamato Lox, si possa evitare la diffusione del tumore.

Negli ultimi anni sono stati scoperti nuovi farmaci che permettono un controllo sempre più alto del diffondersi delle malattie tumorali e soprattutto del tumore che colpisce la mammella.

Oggi la ricerca permette di scoprire nuovi composti o associazioni di composti che consentono non solo una guarigione completa ma anche nei casi più problematici di controllare la malattia sempre più a lungo.

Queste nuove scoperte sono recentemente comparse in alcuni articoli, sono per ora in fase uno, cioè in fase sperimentale e devono essere prima validate con la ricerca clinica.

Importante è non creare false aspettative con articoli poco chiari che potrebbero illudere donne che tanto hanno bisogno di terapie.

Quindi bene dire che si fanno progressi ma anche confermare quando sarà possibile utilizzare questo nuovo prodotto.

Sono certo che nei prossimi anni la ricerca Farmacologica arriverà, sempre in associazione con la Chirurgia, a vincere il tumore al seno che già oggi in Italia, nel 80% delle donne, viene sconfitto.

 

A questo link trovate l’approfondimento del post:

bit.ly/MaurizioNavaFermareTumori

Dott Maurizio Bruno Nava

Specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva e Estetica. Chirurgia generale – Oncologia.

Professore a Contratto – Scuola di Specializzazione in Chirurgia Plastica – Università degli Studi di Milano.