Buongiorno a tutte, continuiamo con la seconda parte del video legato alle Terapie Adiuvanti; credo sia importante cercare di chiarire alcuni miti e alcune verità di questo delicato tema. Purtroppo gli effetti collaterali ci sono nei Trattamenti e anche la Chirurgia può avere delle complicanze.

Per finire la Radioterapia c’era il problema del gonfiore al braccio o il problema al cuore; anche in questo caso bisogna distinguere: il gonfiore al braccio è più un problema chirurgico, quando si tolgono tutti i Linfonodi, può gonfiarsi un po’ e se in più si agisce anche con la Radioterapia, può manifestarsi più facilmente.

Però non è la Radioterapia di per sé che crea questa problematica, è più un insieme di cose.

Se si conoscono prima i trattamenti, si cerca anche di prevenirli insieme al team che vi potrà seguire nelle Breast Unit.

Ancora, il cuore; è vero che la Radioterapia tangenzialmente può dare qualche disturbo ma è raro che dia una forma vera e propria di malattia cardiaca.

Alcuni farmaci possono, invece, agire sull’attività del cuore, inteso come muscolo che lavora; tanto è vero che vengono fatti degli esami prima e degli esami dopo. Vengono fatte delle Ecocardiografie per controllare la Paziente e dosare la parte di Terapia.

Una volta finita, se dovesse nascere e manifestarsi, nel tempo il problema termina.

Per ultimo l’Ormonoterapia, oggi trova molto spazio di attuazione, con alcuni esami approfonditi; una volta era Oncotype DX, oggi si parla del Tailorx DX, si può ridurre di molto la necessità del trattamento con Chemioterapia, si è però sempre legati alle caratteristiche del Tumore.

Apriremo poi una discussione su questi argomenti, se avrete la necessità di approfondire, invitando anche a partecipare una figura specifica come un Oncologo Medico.

Con l’Ormoterapia si possono manifestare d gli effetti, non in una Donna in Menopausa ma in una Donna che non ne è ancora entrata, perché crea ovviamente una Menopausa.

Nelle Donne giovani qualche problema in più esiste.

Però garantisce sempre un controllo e la guarigione, ecco perché queste Terapie Adiuvanti sono necessarie.

Non cerchiamo rimedi alternativi perché l’abbiamo visto più volte, non voglio citare i singoli casi perché non mi piace fare dei nomi o altro, erano dei fallimenti totali.

Seguiamo quello che è l’iter terapeutico che dovrebbe esservi fornito fin dall’inizio del vostro percorso di cura, conoscendo “Nome, Cognome e Indirizzo del Tumore”, il profilo ormonale, sapendo tutto.

La visita del Chirurgo, dell’Oncologo Medico, del Radioterapista addirittura prima, possono già introdurvi al corretto percorso di cura, prevedendo anche quelle precauzioni per diminuire o minimizzare gli effetti collaterali.

Ricordatevi Cascina Rosa, Franco Berrino è un valido aiuto.

Grazie.

A presto.

Cosa sono le Terapie Adiuvanti Seconda Parte #MaurizioNava #AskMBN Condividi il Tweet
Dott Maurizio Bruno Nava

Specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva e Estetica. Chirurgia generale – Oncologia.

Professore a Contratto – Scuola di Specializzazione in Chirurgia Plastica – Università degli Studi di Milano.