Chirurgia e Insoddisfazione

Buongiorno a tutte, siamo sempre nel campo della Chirurgia Estetica e abbiamo selezionato una domanda decisamente particolare o meglio una serie di esternazioni di una Signora che purtroppo è insoddisfatta della sua Chirurgia. Preferisco leggere le parole che ha scritto:”…Sono estremamente delusa da un’esperienza fatta con un suo collega che mi ha letteralmente deturpata; mi sono affidata al giudizio comune sui vari forum e blog, che poi andando più in profondità ho scoperto essere una fucina di recensioni fasulle e prive di fondamento…volevo correggere un’Asimmetria congenita e mi sono ritrovata con due “palloni” divergenti. Perlomeno prima non avevo questo effetto “da Barbie siliconata”…il Chirurgo, non diciamo la zona, che mi ha operata insiste nel dire che tutto è stato eseguito a regola d’arte ma non mi posso guardare più allo specchio…”.

Prima di tutto mi soffermerei sulle parole “Deturpata”: è un concetto molto forte, magari vedendola insieme, se si è fatta visitare da altri, riesce a rivedersi in modo diverso.

Per quanto riguardo i forum, blog, mi dispiace oggi parliamo spesso di fake news e ci troviamo ad affrontare tutti i giorni, sul web, sui social, Facebook ecc un numero di fake elevatissimo; forse anche questi blog, non tutti ci mancherebbe, credo che la maggior parte siano fatti bene, ma alcuni di questi cercano di avere più clienti. L’ho sempre detto che la Chirurgia Estetica è un business, per cui rientra anche questo. Per me è una parola bruttissima ma in certe realtà vuol dire questo.

Le faccio un esempio: ho avuto una Paziente che è venuta da me, abbiamo fatto un programma poi un’amica o una conoscente le ha detto: “ma no non andare da Nava, è un esperto, non c’è bisogno, io conosco…ecc…” alla fine la Signora, come lei, è rimasta delusa dai risultati ottenuti, è ritornata raccontandomi il tutto ed è emerso che la fantomatica amica/conoscente è in realtà una procacciatrice di Pazienti per un altro Chirurgo.

Questo potrebbe andare bene perché potrebbe incontrare un bravissimo Chirurgo e mi va bene; il mio modo di operare è cercare di scrivere, pubblicare, fare questi video e cercare di essere il più chiaro possibile, come sto facendo con lei in questo momento.

Tornando a lei, l’effetto “Barbie siliconata” sicuramente lei avrà discusso delle Protesi, quale tipo, volume grandezza; se il Chirurgo le dice quello, non dico che abbia ragione per carità ma un fondo di verità ci potrà essere e anche qui bisognerà capire bene quale è il limite da una parte e il limite dall’altra e dove si incontrano le due verità.

Le mie domande sono principalmente due:”…Come posso rimuovere i “palloni” recuperando il mio problema iniziale, una forte Asimmetria del Seno destro; ci sono dei tempi tecnici da rispettare e infine le volevo chiedere come può fare una Donna a capire chi ha davanti, se è un professionista serio o meno…perdoni il mio sfogo, ma sulla carta o meglio sul web, siete tutti competenti e bravi ma all’atto pratico poi emergono grossi problemi…”.

Rispondiamo alle due domande: cosa posso fare per rimuovere i due “palloni”. L’ho già detto in un precedente video, non voglio ripetermi ma tendenzialmente, nel più del 90% delle persone, rimuovendo gli Impianti Protesici si torna alla fase PRE Impianti Protesici, chiaramente le cicatrici rimangono nessuno le cancella ma può tornare come prima.

Da lì si può programmare una nuova Chirurgia; nel suo caso specifico, come ho fatto con un’altra Paziente, direi che la soluzione migliore è rimuovere le Protesi, aspettare almeno sei mesi, ritornando anatomicamente come prima e da li si programma un nuovo Intervento.

Per cui rimozione, tempi tecnici, sei mesi d’attesa.

Come posso riconoscere una persona? Io non sono un esperto di comunicazione né uno psicologo però percepisco quando qualcuno cerca di vendermi qualcosa e quando uno cerca di farmi capire che cosa vorrebbe fare.

Io dico sempre, tre step: Pianificazione, che vuol dire ascoltare i desideri delle Pazienti, capire le sue caratteristiche e far capire quello che si può fare perché i Chirurghi non hanno la bacchetta magica; Chirurgia adeguata, scelta dell’Impianto (Protesi) corrispondenti alle bio dimensione, fare tutto quello che si può per ridurre al minimo le Complicanze, purtroppo credo non tutti lo facciano perché altrimenti non ci sarebbero questi problemi come a volte succede; terzo e ultimo, un buon Followup magari, non dico lei, alcune Pazienti non seguono il Followup che hanno consigliato e poi non hanno un risultato che non va bene.

Come far a riconoscere quindi? É una sensazione, lei in una frase dopo mi dice:”…non sarà sicuramente il suo caso ma questa cosa mi ha davvero sconvolta…ho comprato, purtroppo dopo, anche il suo libro e la mia visita, per esempio, non è stata come lei ha descritto…”.

Vede che già dopo aver comprato il libro lei mi definisce “diverso” rispetto a un’altra persona. Dovete ricordare che fate un Intervento per stare meglio con voi stesse, vi deve durare il più a lungo possibile…io credo e penso che valga la pena spendere qualche mese in più per fare una ricerca seria, sentire due o tre opinioni diverse di Chirurghi anche se devo pagare delle visite perché è un investimento piuttosto che spendere di più per rimuovere le Protesi e subire un nuovo Intervento.

Quando mi sento anche dire da alcune che:”…lei fa pagare la visita…” io sono un Professionista, ho speso una vita dedicandomi a questo; quando va da un Cardiochirurgo per un Intervento credo che voglia la stessa professionalità un Chirurgo di un altro tipo. Questo credo sia la serietà di un Professionista, ad esempio far pagare una visita anche 200 o 250 euro se necessario.

Conclude dicendo “perdoni ancora il mio sfogo, la ringrazio per la sua risposta”; ci mancherebbe, la posso capire non è uno sfogo è una sensazione di frustrazione per non aver raggiunto i suoi obiettivi e allora torniamo ai tre step per cercare di raggiungerli, Non sono promesse, non abbiamo la bacchetta magica, negoziamo insieme a voi quello che veramente si può fare.

Grazie A presto.

Scusate, ultimo ma non meno importante: se una visita dura dieci minuti e mi danno una pacca sulle spalle dicendo “stia tranquilla potrà raggiungere quello che vuole, non decidiamo niente, decidiamo tutto in sala operatoria” forse non è la soluzione migliore.

A presto.

Chirurgia e Insoddisfazione #AskMBN #ChirurgiaEstetica #AsimmetriaSeno Condividi il Tweet
Dott Maurizio Bruno Nava

Specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva e Estetica. Chirurgia generale – Oncologia.

Professore a Contratto – Scuola di Specializzazione in Chirurgia Plastica – Università degli Studi di Milano.